Quantcast

Carburanti, il Governo taglia lo sconto sulle accise

Carburanti, il Governo taglia lo sconto sulle accise

Il Governo Meloni ha deciso di tagliare lo sconto sui prezzi finali di benzina, diesel e gpl, disposto in precedenza dall’esecutivo Draghi come rimedio al caro carburanti. Tornano dunque a salire i prezzi dei carburanti, dopo mesi di aumenti contenuti grazie al taglio delle accise. La decisione rientra nel decreto legge con misure urgenti in materia di accise sui carburanti e di sostegno agli enti territoriali e ai territori delle Marche colpiti da eccezionali eventi metereologici, che è già stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Ecco cosa cambia.

Carburanti: dimezzato il taglio delle accise, i prezzi tornano a salire

Come emerge dalla nota del Ministero dell’Economia e delle Finanze, dal 1° dicembre torneranno a salire i prezzi di benzina, diesel e gpl, in quanto il Governo Meloni ha deciso di rimodulare le aliquote agevolate e di ridurre il taglio delle accise introdotto lo scorso marzo e, dunque, di limitare lo sconto, che passerà da 30,5 a 18,3 centesimi al litro per benzina, diesel e gpl.

La riduzione del taglio delle accise avrà evidenti conseguenze per tutti gli automobilisti, ma – come stabilito dal provvedimento – non riguarderà gli autotrasportatori che usufruiscono dei cosiddetti regimi agevolati, per scongiurare ripercussioni sui consumatori a causa di un eventuale aumento del prezzo dei beni trasportati.

Cosa cambia

Secondo quanto disposto dal provvedimento del MEF, le nuove aliquote di accisa sui carburanti saranno le seguenti:

  • per la benzina, 578,40 euro per mille litri;
  • per il diesel, 467,40 euro per mille litri;
  • per il gpl, 216,67 euro per mille chilogrammi.

Salvo ulteriori proroghe, esse saranno valide fino al 31 dicembre 2022.

Di conseguenza, il prezzo di benzina, diesel e gpl – al netto di eventuali variazioni stabilite dalle compagnie che operano sulla rete – dovrebbe salire in media di circa 10 centesimi al litro. Secondo le stime, il prezzo della benzina in modalità self service toccherà dunque quota 1,90 euro, arrivando precisamente a 1,88 euro al litro, mentre per il diesel si dovrebbe superare la soglia dei 2 euro al litro.

Le critiche al provvedimento

La decisione del governo ha generato le proteste delle associazioni dei consumatori. Secondo il Codacons, l’aumento dei prezzi comporterà “una spesa maggiore, pari a +6,1 euro a pieno e +146 euro all’anno per famiglia ipotizzando due pieni mensili di carburante”.

L’Unione Nazionale Consumatori, invece, ha definito la decisione del Governo una “scelta kamikaze”.

[fonte immagine: https://pixabay.com/it/photos/carburante-pompa-energia-1596622/]

Superiore