Quantcast

Ferrari, svelata la nuova 296 GT3

Ferrari, svelata la nuova 296 GT3

Presentata la Ferrari 296 GT3, la nuova auto da corsa della casa di Maranello progettata per le competizioni GT, il cui debutto – come confermato dalla stessa Ferrari – avverrà alla 24 Ore di Daytona prevista tra il 26 e il 29 gennaio 2023. Scopriamo insieme le caratteristiche della nuova vettura.

Ferrari 296 GT3: esterni e interni

Sviluppata sulla base della 296 GTB, la carrozzeria e i volumi dell’erede della 488 GT3 (la Ferrari da corsa più vincente della storia del Cavallino Rampante), sono stati rivisti per adattarli alla pista e alle performance. Per rendere l’auto ancor più aerodinamica, sono stati installati uno splitter frontale, un estrattore posteriore e un imponente alettone. Il carico aerodinamico della nuova Ferrari 296 GT3 è aumentato del 20% rispetto alla precedente vettura da corsa (la 488 GT 3). Il peso della 296 GT3 è pari a 1250 kg scarsi.

Al fine di garantire prestazioni entusiasmanti in pista, i progettisti della nuova Ferrari 296 GT3 hanno sviluppato un nuovo telaio in alluminio, completato da sospensioni di tipo ‘wishbone’ sia all’anteriore sia al posteriore, barre anti-rollio e nuovi cerchi forgiati sviluppati da Rotiform.

Gli interni della nuova auto da corsa di casa Ferrari sono all’insegna dell’intuitività, della sicurezza e del comfort.  L’abitacolo della 296 GT3 è stato riprogettato rispetto alla 488 GT3, tenendo conto delle indicazioni raccolte dai piloti ufficiali e anche dai clienti. La cellula abitativa è costruita in modo da consentire al suo occupante di trovare la miglior posizione di guida in tempi rapidi, con le principali funzioni sempre a portata di mano.

Il volante è ispirato a quello delle monoposto di Formula 1, mentre il sedile della Sabelt è collocato per consentire una visibilità ottimale, sia di giorno che di notte, e un nuovo livello di comfort anche per piloti di taglie e stature diverse. L’impianto di condizionamento è stato sviluppato per garantire un’adeguata ventilazione in ogni condizione.

Motore e caratteristiche tecniche

La Ferrari 296 GT3 nasce, come detto, dalla 296 GTB, berlinetta sportiva a due posti con motore centrale posteriore. Tuttavia, da quest’ultima non ha ereditato il sistema ibrido, in quanto non conforme al regolamento GT3. Questo aspetto influisce sulla potenza erogata dalla versione stradale; la nuova 296 GT3 sviluppa infatti circa 600 cavalli con una coppia di 709 Nm, contro gli 819 CV e i 740 Nm della versione GTB.

Con la 296 GT3, Ferrari passa dal motore V8 turbo al V6 Biturbo da 3.0 litri derivato dalla versione stradale. Al fine di ottenere la massima compattezza, ridurre il peso, il baricentro e quindi migliorare le prestazioni, gli ingegneri hanno deciso di adottare una configurazione a V di 120° con i turbo posizionati all’interno della ‘V’

Tre le innovazioni introdotte con la nuova 296 GT3, l’alternatore collegato alla scatola del cambio così da renderlo più accessibile ai meccanici, il cambio Xtrac a 6 rapporti sviluppato appositamente, i controlli al volante, la frizione a disco unico, disposta trasversalmente per migliorare aerodinamica e distribuzione dei pesi.

La nota della Ferrari

Attraverso una nota la Ferrari ha così presentato la sua nuova vettura da corsa: “La Ferrari 296 GT3 rappresenta il futuro del Cavallino Rampante nelle competizioni per vetture gran turismo, quelle che permettono la relazione più stretta con il cliente e il travaso più consistente di tecnologie e soluzioni innovative sulle vetture di serie. La 296 GT3 nasce dalla 296 GTB, la più recente evoluzione del concetto di berlinetta sportiva a 2 posti a motore centrale-posteriore della Casa di Maranello”

“La Ferrari 296 GT3 è un progetto innovativo, in pista e fuori, che la Casa del Cavallino Rampante ha deciso di sviluppare per continuare la tradizione vincente che affonda le sue radici nel 1949, quando la 166MM si aggiudicò la 24 Ore di Le Mans”, si legge ancora nel comunicato.

“Un approccio nuovo dal punto di vista della progettazione, della gestione della vettura in tutte le fasi di un weekend di gara, dell’elettronica, fino alla nuova architettura del propulsore, un 6 cilindri turbo a 120°”, prosegue la casa di Maranello.

“Un concetto inedito, creato attorno alle esigenze dei team, dei piloti professionisti e dei gentlemen driver, storicamente al centro delle attenzioni della Casa. Una vettura studiata minuziosamente in ogni dettaglio, sotto tutti i punti di vista, secondo i dettami del nuovo regolamento dedicato alle GT3”, conclude la nota.

 

[fonte immagine: https://www.facebook.com/FerrariRaces/photos/a.215852328777694/1721089121587333/]

 

 

Superiore