Quantcast

Auto a benzina e diesel, Germania contraria allo stop?

Auto a benzina e diesel, Germania contraria allo stop?

Lo scorso 8 giugno il Parlamento Europeo ha approvato la proposta formulata dalla Commissione europea di vietare l’immatricolazione di vetture con motore termico dal 2035, rientrante nel pacchetto di misure denominato Fit for 55. Tuttavia, il voto dell’aula di Strasburgo non è stato accolto favorevolmente da tutti. Il ministro delle finanze tedesco Christian Lindner ha riferito che la Germania non appoggerà lo stop deciso dal Parlamento Ue alle auto a benzina e diesel a partire dal 2035.

Stop alle auto a benzina e diesel, Linder contrario

Il prossimo 28 giugno il Consiglio europeo si riunirà per vagliare la parte di regolamento che ha passato il voto (tre degli otto capitoli sono tornati in commissione Ambiente). Intanto, però, il ministro tedesco delle finanze, Christian Lindner, fa sapere che la Germania dice no al piano europeo di stop alle vendite di auto nuove a benzina e diesel a partire dal 2035.

A margine della Giornata dell’industria, organizzata a Berlino dalla Bdi (Federazione dell’industria tedesca), Linder si è detto contrario al pacchetto europeo, spiegando che alcune regioni del mondo non sono ancora pronte per l’auto elettrica. Secondo il ministro liberale, dunque, un divieto sulla vendita totale dei motori a combustione in Europa sarebbe un errore in quanto porterebbe le case automobilistiche a smettere di sviluppare questo tipo di propulsori, che invece potrebbero essere utili laddove la mobilità elettrica non potrà essere introdotta se non tra molto tempo. “La Germania non potrà accettare i limiti imposti dall’Ue” ha detto, affermando che in futuro dovrebbero continuare ad esserci spazi di mercato per le auto con i motori tradizionali.

Della stessa idea è anche il ministro dei trasporti Volker Wissing. Tuttavia, all’interno della maggioranza c’è una discussione accesa sull’argomento.

Il governo tedesco dirà no allo stop?

A detta del ministro Linder il governo tedesco si schiererà contro la proposta della Commissione europea. Eppure, le forze di maggioranza che formano la coalizione di governo a Berlino non sembrano avere posizione unanime sulla questione. Le altre forze che reggono il governo del cancelliere Scholz avrebbero infatti un pensiero diverso da quello del Partito Liberale Democratico. Come riportato dall’agenzia di stampa tedesca Dpa, qualche giorno fa un portavoce del ministro federale dell’Ambiente, Steffi Lemke (Verdi), ha dichiarato che “il governo federale appoggia pienamente la proposta della commissione e del parlamento europeo secondo cui, a partire dal 2035, nuove autovetture e veicoli commerciali leggeri abbiano solo propulsori a zero emissioni”.

Pertanto sul tema vi sono posizioni diverse.

Ad ogni modo, l’iter per l’approvazione definitiva della norma votata dal Parlamento Europeo è ancora lungo. La decisione finale sarà presa in autunno.

 

[fonte immagine:https://pixabay.com/it/photos/auto-elettrica-stazione-di-ricarica-4276420/]

Superiore